News sulle BCI, Cambiamenti nel lifestyle, Lotta al cancro

Lo spazio dei curiosi di futuro

News sulle BCI Cambiamenti nel lifestyle Lotta al cancro

News sulle BCI

News sulle BCI

Settimana scorsa il mondo in continua evoluzione delle BCI (brain computer interfaces) ha assistito a due novità importanti. La prima, ovviamente strombazzata da tutte le principali testate giornalistiche, riguarda la concessione a Neuralink, la società di Elon Musk, della possibilità di fare dei trial umani. La seconda, purtroppo salita meno agli albori delle cronache, è invece il successo di un dispositivo installato dalla svizzera NeuroRestore, che ha consentito ad un paziente paralizzato di tornare a camminare.

Vanno quindi distinti bene i due casi. Neuralink non è la prima società americana cui la Food and Drug Administration ha concesso di sperimentare sull’uomo. Dal 2021 ci sta già lavorando la meno conosciuta Synchron. Neuralink aveva già provato ad ottenere l’autorizzazione ad inizio 2022, ma la commissione aveva bocciato il progetto. Se da un lato Elon Musk attira inevitabilmente grandi attenzioni, dall’altra basta una rapida lettura dei forum stelle e strisce, per capire lo scetticismo del pubblico. Qualcuno scrive, cito letteralmente “L’uomo che ha reinventato i trasporti pubblici e i viaggi nello spazio sta ora reinventando le lobotomie per il XXI secolo.” The Verge aggiunge “E ci si chiede: chi si iscriverebbe a una cosa del genere, e perché?“. Un altro commentatore polemizza “Quando smetterete di pagare l’abbonamento all’azienda, vi metteranno il cervello in blocco.“, mentre qualcuno ironizza “E Ron DeSantis? Gli potrebbe essere utile.“.

Ora, una certa avversione per le sparate di Elon Musk, ci può anche stare, ma fare ironia sull’argomento forse non coglie per bene, la potenziale utilità medica di questi strumenti.

NeuroRestore

Se veniamo da questa parte dell’oceano, la svizzera NeuroRestore ha invece fatto quella che sembra una magia. Consentire ad una persona paralizzata di tornare a camminare per oltre 100 metri, su terreni non banalmente in piano, fare le scale, fermarsi e ripartire… insomma tutto quello che per il paziente era ormai un ricordo vecchio di 10 anni.

I ricercatori definiscono il sistema un “ponte digitale” tra il cervello e la colonna vertebrale. Nella pubblicazione di mercoledì sulla rivista Nature, descrivono il modo in cui gli elettrodi impiantati chirurgicamente all’interno del cranio inviano i pensieri a una cuffia con antenna indossata dal paziente. Queste idee di movimento vengono poi elaborate in uno zaino che le processa, trasformandole in comandi. Infine, le sue intenzioni vengono tradotte in movimento, sotto forma di stimolazione spinale.

Ore di allenamento da parte del paziente, mesi di calibrazione insieme gli scienziati. Perché il software deve essere tarato su di lui. Obiettivo dei prossimi 18 mesi, migliorare, consentirgli di muoversi in casa, forse anche al pub per alzarsi ed andare ad ordinare una birra al bancone. Installare la BCI su quattro nuovi pazienti, progredire.

Lasciamo allora da parte per un attimo i titoloni, le ironie ed i dubbi sul magnate americano: forse un giorno arriveremo a collegare il cervello ad uno smartphone per farci lobotomizzare e rubare i dati del nostro io più profondo, ma oggi gli scopi sono altri e le ricompense per la scienza ed alcuni sfortunati, davvero immense.

Paralyzed Man Uses Mind-Reading Tech to Walk on His Own Again (businessinsider.com)

News sulle BCI Cambiamenti nel lifestyle Lotta al cancro

Cambiamenti
nel lifestyle

Cambiamenti nel lifestyle (globale)

Secondo un’indagine condotta da EY (Ernst & Young), l’accessibilità economica ai beni e servizi necessari per vivere è la preoccupazione principale per il 35% dei consumatori globali, con un aumento del 10% rispetto all’ottobre 2022. L’indagine, denominata EY’s Future Consumer Index, ha raccolto i dati di oltre 21.000 consumatori in 27 Paesi e ha rivelato che il 94% degli intervistati è preoccupato per l’aumento del costo della vita. Queste preoccupazioni hanno portato a cambiamenti nelle abitudini di acquisto e molti consumatori hanno espresso una perdita di fiducia nei confronti delle aziende di vendita al dettaglio e di prodotti di consumo.

L’indagine ha rilevato che il 92% dei consumatori è preoccupato per l’economia del proprio Paese e il 39% prevede un peggioramento nei prossimi sei mesi. Per quanto riguarda gli acquisti, il 79% degli intervistati ritiene che i prezzi dei prodotti alimentari siano aumentati negli ultimi mesi e il 74% ha notato che i marchi hanno ridotto le dimensioni delle confezioni senza ridurre i prezzi.

Riparabilità

Per far fronte a queste sfide, i consumatori stanno modificando i loro comportamenti di acquisto e le interazioni con i marchi. Piuttosto che acquistare continuamente nuovi articoli, il 67% degli intervistati preferisce riparare i propri beni. Inoltre, il 62% ritiene che tenersi al passo con le ultime tendenze della moda sia superfluo. Mentre il 55% dei consumatori afferma che i marchi non sono più importanti per loro, la metà di loro ha espresso la volontà di prendere in considerazione i marchi privati per abbigliamento, scarpe e accessori.

Shrinklfation

Kristina Rogers, global consumer leader di EY, ha osservato che i consumatori sono frugali e resistenti di fronte all’aumento dei costi. Tuttavia, ha sottolineato che i consumatori percepiscono una diminuzione del valore che ricevono dai marchi a causa dell’aumento dei prezzi e della “shrinkflation” (riduzione delle dimensioni delle confezioni senza riduzione dei prezzi). Di conseguenza, i consumatori si allontanano da alcuni marchi, riducono l’elenco degli acquisti essenziali e annullano gli abbonamenti per ottimizzare il proprio budget. Rogers ha sottolineato che le aziende devono essere consapevoli che le decisioni che prendono ora potrebbero avere implicazioni a lungo termine per la fedeltà dei consumatori. I marchi dovrebbero concentrarsi sull’innovazione e sugli sforzi di marketing per rimanere competitivi.

Valorizzazione dei dati

L’indagine ha anche evidenziato l’impatto del cambiamento dei comportamenti dei consumatori sull’adozione della tecnologia. Il 66% degli intervistati ha dichiarato di essere disposto a condividere i propri dati in cambio di alternative più economiche. Rogers ha sottolineato che l’atteggiamento dei consumatori nei confronti della tecnologia si sta evolvendo rapidamente e che le aziende devono stabilire relazioni con i clienti basate su fiducia, rispetto e valore. In caso contrario, le relazioni a lungo termine potrebbero essere danneggiate.

Svalorizzazione dei marchi

In sintesi, l’indagine di EY rivela che la convenienza economica è una preoccupazione crescente per i consumatori globali. L’aumento del costo della vita ha portato a un cambiamento nelle abitudini di acquisto e i consumatori hanno espresso una minore fiducia nelle aziende di vendita al dettaglio e di prodotti di consumo. Per far fronte alla situazione, i consumatori scelgono di riparare gli articoli piuttosto che sostituirli e si preoccupano meno delle tendenze della moda. Anche i marchi stanno perdendo importanza e i consumatori sono aperti a prendere in considerazione i marchi privati. Inoltre, i consumatori sono disposti a condividere i propri dati per ottenere alternative più economiche. Le aziende devono riconoscere questi comportamenti in evoluzione e promuovere relazioni basate sulla fiducia e sul valore per mantenere la fedeltà dei consumatori. Una bella sfida per i prossimi anni.

News sulle BCI Cambiamenti nel lifestyle Lotta al cancro

Lotta al cancro

Lotta al cancro

Ricercatori dell’Università di Medicina di Taipei, a Taiwan, hanno fatto un importante passo avanti nel prolungare la durata di vita dei topi e nel migliorare l’efficacia delle cellule che uccidono il cancro. Hanno scoperto una modificazione genetica che può aumentare la potenza di queste cellule da due a sette volte e prolungarne la durata di vita fino al 20%. Nel loro ultimo studio, hanno replicato con successo questi risultati in topi normali attraverso un singolo trapianto di cellule staminali del sangue. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Cold Spring Harbor Protocols e sono considerati di grande importanza.

I ricercatori hanno inizialmente identificato un aminoacido chiamato KLF1 che, una volta modificato, ha preservato le caratteristiche di salute della giovinezza nei topi. Ciò includeva una migliore funzione motoria, un miglioramento dell’apprendimento e della memoria, nonché un potenziamento delle cellule antitumorali. Anche l’aspetto fisico dei topi ha mostrato cambiamenti positivi, con peli più scuri e lucenti. Inoltre, i topi hanno mostrato una significativa riduzione della fibrosi, un processo associato alla compromissione della funzione degli organi e all’invecchiamento.

Trapianti di cellule staminali

I recenti risultati dimostrano che i benefici dell’amminoacido KLF1 possono essere trasferiti a topi non mutanti attraverso il trapianto di cellule staminali. I trapianti di cellule staminali sono comunemente utilizzati per alcuni tumori del sangue e i ricercatori intendono sfruttare questo approccio per ridurre il rischio di recidiva del cancro e potenziare la capacità di uccidere il cancro delle cellule nell’uomo. Oltre al suo potenziale nella lotta contro il cancro, la modifica genetica apportata da Shen e dal suo team potrebbe anche contribuire a prolungare la durata della vita umana.

Studi precedenti hanno identificato varianti genetiche che aumentano la durata della vita dei topi, ma molti di questi benefici erano limitati ai topi femmina e non si conosceva un metodo per trasferire questi vantaggi ai topi normali. La ricerca di Shen, invece, non mostra differenze di genere e i benefici osservati nei topi con la modifica di KLF1 non hanno mostrato effetti collaterali.

Applicabilità all’uomo

Il successo degli esperimenti con diversi background genetici suggerisce che i benefici di questa ricerca potrebbero essere applicabili all’uomo in modo universale. Shen ritiene che il modello funzionerà probabilmente su tutti gli esseri umani, con una sostituzione parziale del 20-30% del midollo osseo sufficiente a rendere gli individui resistenti al cancro.

I ricercatori hanno anche scoperto che le cellule specifiche che uccidono il cancro, come i linfociti T e le cellule natural killer, portatrici della sostituzione aminoacidica hanno dimostrato una capacità di uccidere le cellule tumorali significativamente superiore rispetto ai topi normali. Questo li ha portati a esplorare la possibilità di effettuare trapianti di midollo osseo contro il cancro negli esseri umani, anche se occorre tenere conto di considerazioni etiche. Shen e il suo team stanno già lavorando per capitalizzare queste scoperte e migliorare le terapie antitumorali per gli esseri umani, evidenziando il potenziale di progressi rivoluzionari nel prossimo futuro. La scienza avanza. Presto o tardi, una cura per il cancro sarà realtà.

Home – The Future Of (the-future-of.it)

News sulle BCI Cambiamenti nel lifestyle Lotta al cancro


VIDEO


I LIBRI DI THE FUTURE OF

Nel nostro perenne viaggio attraverso il tempo e lo spazio, “Le 10 Grandi Domande sul Futuro” ti porta in un’avventura unica, dove il passato incontra il futuro. In questo libro avvincente e informativo, esploro le profonde domande che hanno affascinato l’umanità per generazioni, ponendo interrogativi audaci su cosa riservi il futuro e come possiamo trarne ispirazione dai grandi innovatori del passato.
Attraverso una serie di conversazioni virtuali sorprendenti e coinvolgenti, ti ritroverai a dialogare con alcune delle menti più brillanti e influenti della storia, da Leonardo da Vinci a Marie Curie, da Nikola Tesla a Ada Lovelace, passando per Stephen Hawkings, Steve Jobs, Keplero, Richard Feynman e molti altri. Questi pionieri dell’innovazione condivideranno le loro prospettive uniche sul futuro, illuminando le strade possibili che l’umanità potrebbe intraprendere.
Nel corso di queste conversazioni mozzafiato, affronto domande ardite come: Qual è il destino dell’umanità nello spazio? Come possiamo sfruttare l’intelligenza artificiale per il bene dell’umanità? Quali sfide etiche ci aspettano nell’era della tecnologia avanzata? E molte altre.